Champions League: Juventus e Roma obbligate alla vittoria

champions-league-juventus-roma-chelseaPer le squadre italiane il passaggio dalla Serie A alle competizioni europee comporta spesso  difficoltà inaspettate e risultati negativi.  E’ accaduto ieri sera al Napoli reduce da ben otto vittorie consecutive in campionato e in già in fuga a detta di molti, uscito sconfitto dal match contro il Manchester City di Guardiola, andato subito sul 2-0 grazie a Sterling e Gabriel Jesus e graziato da Mertens che ha sbagliato un rigore sul finire del primo tempo rendendo così inutile la rete di Diawara che al 73’ ha realizzato un altro penalty concesso dall’arbitro Lahoz. Per gli uomini di Sarri ora diventa decisiva la prossima partita al San Paolo contro i Citizens.

Altrettanto decisiva per la qualificazione agli ottavi di finale è la partita di questa sera a Torino tra Juventus e Sporting Lisbona, con i bianconeri – dati per favoriti dalla Snai – che sono chiamati all’immediato riscatto dopo l’inopinata sconfitta casalinga di sabato scorso contro la Lazio.  Buffon e compagni dovranno evitare quei cali di concentrazione che finora spesso hanno caratterizzato le prestazioni della Vecchia Signora, e che in Champions League normalmente vengono pagate a carissimo prezzo. I portoghesi peraltro, allenati da Jorge Jesus, non sono avversari facili da superare, come hanno dimostrato nel turno precedente contro il Barcellona, uscito vittorioso a fatica dopo 90 minuti di sofferenza. I rientri di Alex Sandro, Pjanic, Cuadrado e Dybala fanno ben sperare Allegri che però dovrà puntare probabilmente ancora una volta su Sturaro nel ruolo di terzino destro, a causa degli infortuni di De Sciglio e Howedes e della scellerata scelta di non inserire Lichtsteiner in lista per la massima competizione europea. 

Ancor più difficile il compito della Roma, anch’essa uscita sconfitta dall’ultimo turno di Serie A proprio per mani del Napoli: i giallorossi, attualmente secondi in classifica a 4 punti,  saranno di scena a Londra allo Stamford Bridge contro il Chelsea di Antonio Conte ultimamente un po’ in difficoltà in campionato ma che in Europa finora non ha sbagliato un colpo. I Blues sperano nel recupero di Morata ma dovranno fare a meno di Kantè e Moses, due assenze che complicheranno non poco il compito del tecnico italiano.




Comments are closed.

Back to Top ↑